Agisci consapevolmente e vivi sorprendendoti

Agisci consapevolmente e vivi sorprendendoti

Ci sono periodi della vita in cui avvertiamo disagio, fatica e pesantezza. Si tratta di uno stato interiore che riflette nella realtà esterna ciò che basta per continuare a non stare bene. 

Cosa accade se invertiamo la rotta?

Cosa ci aspetta quando diventiamo consapevoli?

Come possiamo sopportare di stare meglio?

Sembra un paradosso, eppure capita spesso che ci rivolgiamo a qualcuno per essere aiutati (un amico, un counselor, uno psicologo…), anche se inconsciamente ci sentiamo fedeli a quel malessere. Cosa c’è dietro questa dinamica? Cosa nasconde questo atteggiamento apparentemente incoerente?

In una rappresentazione sistemica del tema, durante una costellazione individuale, ciò che ci affeziona al blocco viene svelato con l’intuizione. E il risultato è sorprendente. Quel malessere che caratterizza certe giornate o periodi, che rende difficile qualsiasi cosa, anche la più banale, è li perchè ci serve! Ci protegge, ci consola, ci rende bisognosi di attenzioni, ci procura sofferenza quindi da senso alla nostra vita. Ma è proprio così? 

Forse no, il blocco è qualcosa che aspetta solo di essere integrata in noi, accolta e accettata. Dietro a ciò che crediamo essere il problema spesso c’è un’anima esclusa dal nostro sistema, da noi o da qualcuno prima di noi. Il movimento necessario è l’inclusione. Un atto che ripara, risolve e spinge verso avanti la nostra vite. Recuperando così un benessere nuovo.

ALLENA LA PRESENZA

Essere presente vuol dire agire in modo non automatico. Avere uno stato di presenza forte, poi, ti permette di alimentare continuamente la consapevolezza. Si genera un circolo virtuoso che porta grandi benefici alla nostra vita. 

Oggi è molto più facile essere distratti, vivere in “assenza” da noi stessi, agire seguendo i ritmi scanditi dal sistema professionale e sociale (il multitasking, grande bluff dell’efficienza). Ci muoviamo col “pilota automatico”, alimentiamo abitudini vecchie e dannose, ma anche nuove e nocive. Non ce ne rendiamo conto di quanto siamo distanti dalla nostra essenza, dalla nostra ricerca, dalla vita che ci ha scelto. Ci arrendiamo a ciò che c’è, non per scelta, ma per mancanza di azione. 

Come fare per allenare la presenza quindi?

Come aumentare la consapevolezza?

Come attivare la volontà?

Troviamo le risposte insieme!

Se desideri intraprendere un percorso su misura, all’altezza della tua situazione attuale, che tenga conto delle tue possibilità e della tua disponibilità, che ti possa aiutare a sviluppare le qualità utili al tuo benessere interiore, guarda questa soluzione: Ciclo di Coaching Costellativo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: